mercoledì 18 luglio 2012

Facciamo Adesso



Facciamo Adesso è un aiuto concreto per le aziende, le associazioni e i liberi professionisti emiliani terremotati. Sono entrata in questo progetto con la forte volontà di mettere a disposizione gratuita le mie competenze nei social media. Questo è il mio annuncio.
Se potete, condividete nei vostri profili Facebook e fate conoscere l'iniziativa. Si può aiutare molto anche senza l'obbligo di donare denaro. Un click può fare la differenza.Facciamo...LO adesso, INSIEME!

domenica 15 luglio 2012

DONA ORA alias internet per il fundraising

Pulsante tipico di donazione online
Dona ora. Non c'è imperativo più forte per le associazioni non profit. In "Sotto i fiori di lillà o..." vi ho parlato del corso  che ho seguito per la piccola ONG in cui presto servizio civile. Si tratta di "Internet per il fundraising", una due giorni tenuta da Paolo Ferrara, responsabile comunicazione e fundraising per Terre des Hommes e Luca Conti, massimo esperto di social media in Italia. 

Il corso ha coniugato gli strumenti del social media marketing, dell'usabilità e accessibilità dei siti web con la raccolta fondi online. Nell'altro post non ho specificato molto di queste lezioni, che mi hanno aperto gli occhi sul mio futuro. Vi posto una parte della relazione (modificata per voi) che ho prodotto per i miei superiori, una volta rientrata a Roma, anche tentando di dare una prima risposta ad Ambra. 

In linea generale, la mia politica per questo blog sarà la seguente: vi parlerò dei quattro corsi che sto seguendo e cercherò di capire come e se la mia posizione nell'associazione cambierà (c'è questa opzione). Il nuovo blog lo aprirò quando potrò contare su una qualifica riconosciuta da un contratto. E' una questione di immagine, se volete. Per ora sono solo una volontaria, nonostante tutto e a questo mi attengo. 

sabato 14 luglio 2012

Sotto i fiori di lillà o....?

Immagine da www.google.it
Nel mentre in cui decido se chiudere o meno Sotto i fiori di lillà, mi sorge un dubbio. Sono appena tornata da un viaggio. L'associazione per cui lavoro mi ha inviato a seguire un corso intitolato "Internet per il fundraising" e, non ve lo nascondo, l'unione del web 2.0 con la raccolta fondi non è che mi ha appassionato. DI PIU'! Mi sono resa conto della marea multiforme di attività che si possono realizzare, di quanto effettivamente il web possa divertire, aggregare, essere utile.  Mi sono scoperta sommersa di argomenti da approfondire, contenuti da ampliare, riflessioni da confutare... una valanga di input colorati e divertenti, tutti in un botto! Insomma: mi sento straripare di idee, gioia, vita e progetti. Come sempre! Direte voi. Sì, però ora c'è un problema: continuare o non continuare il blog? Sotto i fiori di lillà o.... ?

martedì 26 giugno 2012

Sotto i fiori di lillà chiude

Foto di Fabio Bogliotti, scattata pensando a "Sotto i fiori di lillà"
Sotto i fiori di lillà chiude. O forse no. Per un periodo sicuramente si. Questo blog è nato con lo scopo di trovare lavoro, di sperimentare le nuove tecnologie, di apprendere e incontrare persone del settore. E' nato con l'intenzione di guadagnare, direttamente o indirettamente. Questi obiettivi sono stati raggiunti e ora sento il bisogno di un periodo di cambiamento e mutazione. Sotto i fiori di lillà è stata una fucina di sperimentazioni: vi è passato di tutto ed è stato vetrina per tanti, a torto o a ragione. Un turbinio di mondi definibili come le mie briciole di Pollicino, che mi hanno portato all'indicazione stradale per imboccare il mio percorso professionale. Niente più giornalismo, addio all'editoria, benvenuto ai social media fino all'invito a nozze con la psicologia. Tanto. Forse troppo. Per questo dico addio. O, almeno, ciao. E' tempo di ristrutturare e di configurare un nuovo spazio, dentro e fuori di me. 

mercoledì 20 giugno 2012

Formazione online, e-learning e prospettive di carriera

Notebook
Una laurea, un master, diverse esperienze lavorative e volontarie non bastano a costruire una professionalità con i crismi. Per questo motivo ho deciso di investire nella formazione online, anche chiamata e-learning, proposta da accademie in ambito informatico molto attive in rete e sui social. Il mio obiettivo è di diventare responsabile dei social media a tutti gli effetti, con preparazione e competenze pratiche di alto livello e, pensando in prospettiva futura, vorrei diventare dirigente/manager. Chiaro: non si tratta di un desiderio che si realizzerà oggi, domani o dopodomani. E' un progetto che avrà bisogno di anni per essere messo a punto. Mi rendo conto che non sono fatta per posizioni subalterne. Il freno a mano tirato non è adatto a me. Non per presunzione, ma per inclinazione personale, caratteriale, culturale, mentale e passionale. Con questo obiettivo, ho deciso che le 1500 ore di lezione sul mondo digitale non sono sufficienti, così come l'esperienza giornalista fatta sino ad ora mi è di scarso aiuto (per non dire nullo). L'unica cosa su cui posso contare è la strenua volontà alla formazione permanente. Non passa giorno in cui non noti ambiti in cui devo migliorare. Mi sento tutt'altro che competente e ancor meno "perfetta". Ciò nonostante, vivo tutto questo come fosse una sfida, un'avventura il cui risultato dipende dall'impegno, dalla passione, dalle competenze e dalla fortuna.

martedì 12 giugno 2012

"Il drago di fuoco" di Sharon McKinney

Copertina de "Il drago di fuoco" di Sharon McKinney
Immagine da: ebay.it
Comprai "Il drago di fuoco" di Sharon McKinney qualche anno fa in una bancarella di libri antichi a 2,00€. Abbandonato sullo scaffale, l'ho riscoperto cercando leggerezza verso e post turni all'helpline. Avete presente i libri in stile Harmony, passionali, con fustacchione gagliardo, pimpante e voglioso, muscoloso, tonico e avventuriero? Avete presente le languide donzelle dai capelli d'oro oppure rosso fuoco che si struggono d'amore, tessono intrighi e vendette, usano pozioni magiche o velenose e combattono contro il triste Fato? Bene. Prendete questi stereotipi, mixateli con qualche saga norrena, vestiteli da vichinghi e fate guidare a lui un drakkar e a lei un castello o un commercio di pelli e preziosi. Questo è quanto. Nel mentre, tradimenti, regolamenti di conti, onore e gloria, ambizione, orgoglio, arroganza e... fiumi e fiumi e fiumi e fiumi di passione. Un accoppiamento di coppia o multiplo a pagina, ad occhio e croce. Si potrebbe quasi dire che l'attività principale di questi guerrieri sia l'amore e dopo, solo dopo, la guerra. Ma va bene. C'è qualcosa di meglio per rilassare la mente e tenerla lontana dal dramma chiamato cancro?