martedì 27 ottobre 2009

Piccole donne: parole di una madre

Leggere "Piccole Donne" è sempre una coccola dolcissima. Ecco un piccolo estratto che scalda il cuore.

"Jo March: - Ma come hai imparato a trattenerti, mamma? Mi crea dei bei problemi perché quando vado su tutte le furie, le parole escono di bocca prima ancora che io sappia cosa sto facendo, e più sono offensive, più me ne compiaccio e provo un perverso piacere nel ferire le persone. Dimmi come fai a controllarti, te ne prego! (...)


Signora March: - La mia buona mamma mi ha aiutato ma purtroppo la persi quando avevo su per giù la tua età e per lunghi anni fui costretta a lottare da sola, perchè ero troppo orgogliosa per confessare la mia debolezza ad altri. Sono stati anni duri, quelli, Jo, e ho versato lacrime amare ogni volta che fallivo nel mio proposito: perchè, nonostante i miei sforzi, mi sembrava di non migliorare. (...) Tuo papà mi ha aiutato, Jo. Lui, lo sai, non perde mai la pazienza, non si lamenta mai, non si scoraggia: spera sempre, lavora con accanimento, ed è sempre così sereno che standogli accanto c'è da vergognarsi nel non essere come lui.


In ogni occasione mi ha aiutata e sorretta, e mi ha insegnato che devo praticare la virtù perché la mia condotta aiuta le mie figlie. (...) Una vostra occhiata, un vostro gesto di sorpresa quando mi sfuggiva una parola di troppo erano per me un rimprovero più efficace di qualsiasi parola. E l'amore, il rispetto e la fiducia che mi avete dimostrato sempre hanno rappresentato per me la più dolce ricompensa che potessi sperare per i miei sforzi. (...)


Figlia mia le tentazioni e le difficoltà della vita iniziano ora: potrai superarle se imparerai a sentire quanto sia grande la tenerezza del Padre tuo celeste, come fai per quello terreno. Più lo amerai, più avrai fiducia in lui, e meno avrai bisogno del conforto e della saggezza degli uomini. Il Suo amore, la Sua protezione sono immutabili, non cambiano con il cambiare degli eventi umani, e nessuno può toglierceli. Credi in Lui con tutto il cuore, rivolgiti a lui con fiducia, confidagli liberamente le tue speranze, le tue debolezze, i tuoi errori, come faresti con me."

15 messages:

  1. giardigno65Oct 29, 2009 09:03 AM
    invece di correre dietro solo alle novità
    RispondiElimina
  2. Occhi di NotteOct 29, 2009 10:05 AM
    Le novità vanno bene ma..senza radici non si va da nessuna parte...
    RispondiElimina
  3. MrsAppleOct 29, 2009 01:13 PM
    Ciao, sono arrivata qua per caso, adoro anch'io Piccole Donne e quindinon posso non approvare questo post... ma ad una prima occhiata mi piace proprio il blog in generale....anch'io infatti ho amato "Rossella" della Alcott fu il primo libro in edizione integrale che lessi nella mia vita!!! Ci sono particolarmente legata, ma neppure io lo possiedo e in questi anni cercandolo mi sono sempre perfino sentita dire che non esisteva!!!
    RispondiElimina
  4. Occhi di NotteOct 29, 2009 01:24 PM
    Assurdo!!!! Come non esiste? Esiste eccome!!!
    Non sai che darei per leggere l'edizione integrale invece che quella per bimbi!!!
    Piano piano con l'inglese mi cimenterò anche in questo.... Benvenuta!
    RispondiElimina
  5. TaniaOct 29, 2009 04:12 PM
    L'ho letto anch'io e mi è piaciuto! Condivido ciò che hai scritto a margine del post, hai ragione. Ti faccio i complimenti per il blog, pensavo d'imbattermi in uno di ricette e invece no, ma mi ha fatto piacere!
    RispondiElimina
  6. Occhi di NotteOct 30, 2009 02:47 AM
    Benvenuta, se ti fa piacere...
    RispondiElimina
  7. Daniela B.Oct 30, 2009 04:02 AM
    Cia,grazie per essere passata sul mio blog,torna qaundo vuoi!Picocle Doone l'ho letto molte volte,ma la versione per bambini a fumetti,che mi piaceva molto (non mi ricordo la casa editrice,forse l'avevano regalato con Il Giornalino?),mia mamma poi sono in 7 sorelle e quindi a leggere il libro mi sembrava di rivivere le storie di mia mamma e delle mie numerose zie da piccole!
    Daniela
    RispondiElimina
  8. Occhi di NotteOct 30, 2009 07:08 AM
    :-) Che bell'immagine...benvenuta anche tu da me e passa quando vuoi!
    RispondiElimina
  9. CicabumaOct 30, 2009 03:35 PM
    Sai che "Piccole donne" non l'ho mai letto se non da bambina in una edizione ridotta?
    Che dici, me lo consigli???
    Che domanda, vero????
    Un abbraccio
    Francesca
    RispondiElimina
  10. Silvia ZanettoNov 2, 2009 02:43 AM
    Conosco praticamente a memoria "Piccole Donne", ma non conosco "Rossella": è un libro difficile da reperire?
    RispondiElimina
  11. Occhi di NotteNov 2, 2009 05:15 AM
    Si, in italiano è praticamente quasi impossibile.. a meno ché non ti capiti un colpo di fortuna in una fiera dell' usato.
    In inglese, su BOL, è un puro esercizio di stile..
    RispondiElimina
  12. sabrine d'aubergineNov 3, 2009 01:48 AM
    Grazie per averci ricordato che esiste una letteratura per ragazzi che andrebbe riletta e trasmessa perché veicolo di valori eterni. La sfida è come renderla accattivante rispetto alle porcherie di moda oggi, peraltro non lette ma guardate distrattamente in tivù. Meditiamo...
    Sabrine
    RispondiElimina
  13. Occhi di NotteNov 3, 2009 02:57 AM
    Il punto è che i classici non sono affatto la barba bubbonica che isnegnanti colpevoli e spesso ignoranti o svogliati trasmettono ai ragazzi. E le case editrici dovrebbero impegnarsi proprio in questa revisioine dei classici per dare SPERANZA ai ragazzi. SI parte dalle basi, dalle radici.
    E la sepranza, unita ad azioni concrete.. può aiutare a costruire un mondo migliore.
    AL posto di Twilight... fate leggere Polidori, Stocker, POe e raccontate i vlaori che stanno alla base, raccontate i sogni, spiegate il lato oscuro, spiegate e parlate del diavolo e del mistero e della paura...
    CI sarebbe molto da dire....
    RispondiElimina
  14. Licia TitaniaNov 20, 2009 03:01 PM
    Non so se leggerai questo mio commento. Ovviamente sono d'accordo su tutto! Quanto a "Little Women"...certo che esiste! una mia amica lo ha comprato recentemente, in irlanda però.
    RispondiElimina
  15. Occhi di NotteNov 21, 2009 04:46 AM
    mamma che bello e che gola.... l'Irlanda!
    RispondiElimina