martedì 30 marzo 2010

Memorie di Adriano - Maragite Yourcenar


"Memorie di Adriano" di Margarite Yourcenar è un portentoso virtuosismo poetico e storico che narra, sfruttando lo stratagemma delle memorie lasciate al suo successore, il nipote Marco, l'epopea umana e di imperatore di un uomo chiamato Adriano.
Raramente mi sono imbattuta in libri-matrioska così profondi. Non esiste una sola riga di questo libro che non racchiuda altri tomi ed enciclopedie, suggerimenti di ricerca, abbracci d'ere in una manciata di caratteri. Profonda, meticolosa ricerca; amore sfrenato, passione ed immedesimazione. 


Queste le linee guida della penna di Margarite Yourcenar. Complesso, articolato, intenso, emblema di cultura "Memorie di Adriano" si srotola davanti a noi emanando profumi di oli essenziali, cibi esotici, grechi o egiziani; colori accesi come il sangue, il tramonto, il sole, il trionfo. La vita di un uomo che di mestiere fa l'imperatore, prendendo sul serio questo suo mandato, cercando d'agire per un bene comune insito nella pace, nella tolleranza e nel rispetto. Lascio parlare Adriano - Margarite

"Le regole del gioco: leggere tutto, imparare tutto, informarsi di tutto, e al tempo stesso, applicare al proprio fine gli esercizi di Ignazio de Loyola, o il metodo dell'asceta indu(...).Sforzarsi di leggere un testo del II secolo con occhi, anima e sensi del II secolo; immergerlo in quell'acqua madre che sono i fatti contemporanei; eliminare, finché è possibile, tutte le idee, i sentimenti che si sono accumulati (...);Utilizzarli, in un certo modo, come tappe sulla via del ritorno verso un punto particolare del tempo. Prendere come punto di contatto con quegli uomini soltanto ciò che c'è di più duraturo, di più essenziale in noi, sia nelle emozioni dei sensi sia nelle operazioni dello spirito: anche loro, come noi, sgranocchiarono olive, bevvero vino, si impistricciarono le dita di miele, lottarono contro il vento pungente, contor la pioggia accecante, l'estate cercarono l'ombra di un platano, gioirono, pensarono, invecchiarono, morirono."


"(...) Ma la conquista nella quale ho impiegato tutto me stesso - la più ardua - è stata quella della libertà di assentire. Io volevo lo stato in cui ero; durante gli anni in cui dipesi da altri, la mia sottomissione perdeva il suo contenuto amaro, e persino indegno, se mi adattavo a considerarla un esercizio utile. Ciò che ero, ero stato io a sceglierlo costringendomi soltanto a possederlo totalmente, e ad assaporarlo quanto più possibile (...) . (...) Con un misto di riserva e audacia, di sottomissione e di rivolta ben concentrate, di esigenze estreme e di concessioni prudenti, ho finito per accettare me stesso".

Tratto da: "Memorie di Adriano", Margarite Yourcenar.

34 messages:

  1. Come sosteneva Jung, ci sono in noi due parti della psiche: una collettiva e una personale. La seconda ha le sue radici nella prima, che è ed è sempre stata uguale per tutti gli uomini. La parte collettiva è la partitura musicale della vita, che ciascuno di noi interpreta a modo suo,in base al suo sentire, come un concertista interpreta la musica scritta sul pentagramma. Grazie al substrato comune rappresentato da questa matrice collettiva noi possiamo rapportarci e dialogare con gli altri uomini, mantenendo nel contempo la nostra individualità grazie alle nostre caratteristiche psichiche individuali.
    Giorgio

    RispondiElimina
  2. sontuoso il libro e la tua recensione.
    questo è veramente un l ibro particolare, anche a me a preso nel profondo dell'anima

    RispondiElimina
  3. Occhi di NotteMar 31, 2010 01:19 AM

    @GIorgio: Grazie per la tua esauriente spiegazione dei concetti base di Jung.

    @Elwe: :-) infatti l'ho rubato nella tua biblioteca... :D

    RispondiElimina
  4. Che gigante la Yourcenar!
    Hai perfettamente esplicitato l'anima del romanzo. Cosa affatto semplice.
    Ora attendiamo la recensione dell'Opera al Nero!

    Iman

    RispondiElimina
  5. la signora in rossoMar 31, 2010 02:32 AM

    bellissimo l'ho letto tutto d'un fiato e occupa un posto speciale nella mia biblioteca

    RispondiElimina
  6. Occhi di NotteMar 31, 2010 02:38 AM

    @ lascia un vuoto quando muore..

    RispondiElimina
  7. mi riprometto da molto di leggerlo...ma per un motivo o per un altro rimando sempre l'acquisto...

    RispondiElimina
  8. Occhi di NotteMar 31, 2010 03:02 AM

    HO rimandato anni anche io. QUesto libro fa parte di quelli che si leggono se e solo se è il momento.

    RispondiElimina
  9. Ed è un libro che va letto più volte, perchè è come una foresta: ed in esso ci sono decine, centinaia di sentieri che lo attraversano, e lasciano ammirare la straordinaria materia da infiniti punti di vista.

    RispondiElimina
  10. Occhi di NotteMar 31, 2010 05:50 AM

    COndivido!

    RispondiElimina
  11. Fernando pannone PessoaMar 31, 2010 01:55 PM

    Questo è un bel libro ottima presentazione invoglia a leggerlo un caro saluto......

    RispondiElimina
  12. Bellissima recensione di un libro che ho amato e amo molto. Grazie
    Giulia

    RispondiElimina
  13. Me lo consigliò un amico qualche settimana fa. Ma penso che non sia ancora arrivato il momento, non potrei dedicarmi a una lettura così intensa in questo periodo. Invece, sto leggendo Alexis, dalla stessa scrittrice. Anche quello molto impegnativo e profondo. E come dice lupo selvatico, è un libro che va letto più volte.

    RispondiElimina
  14. Non puoi immaginarti l'emozione che ho provato a visitare la Villa Adriana (Tivoli) dopo aver letto questo libro. Non pensavo che una serie di antiche mura consumate dal tempo potessero toccarmi così. Ma avevo in mente le parole della Yourcenar e ... Hai visto Albertazzi nella rilettura /monologo del testo a teatro? Io ne ho una versione registrata proprio a Villa Adriana molto suggestiva. E' andata in onda in TV non molto tempo fa in tarda, molto ,serata ed io l'ho "catturata" su DVD per riascoltarla di tanto in tanto. Grazie per questa preziosa recensione.

    RispondiElimina
  15. volevo mandarti i miei migliori auguri di Buona Pasqua a te e ai tuoi cari
    Lilly

    RispondiElimina
  16. Ciao, ho scoperto una rivista internazionale di poesia in edicola..."Poesia" si chiama, è mensile e costa 5 euro.
    Credo ti piacerà.
    Un abbraccio,
    Sonia

    RispondiElimina
  17. Me lo segno, lo metto li tra i libri da leggere.
    Dovro' decidere se leggerlo in inglese o recuperare fortunosamente una traduzione in Italiano.
    ...eh si, sono questioni fondamentali anche quelle qui:)

    Buona pasquetta:)

    RispondiElimina
  18. Occhi di NotteApr 5, 2010 03:45 AM

    Scusate la latitanza: è un periodo particolare.
    Vi faccio i miei auguri di buona Pasqua, con tanto affetto.

    RispondiElimina
  19. il libro riveste una importanza particolare tra le mie letture.
    L'ho letto e riletto la Yourcenar è tra le mie scrittrici preferite
    bello il passo che hai scelto, ma c'è da imparare da ogni riga!
    grazie, marina

    RispondiElimina
  20. Occhi di NotteApr 7, 2010 04:27 AM

    Scusate l'assenza: periodo di grandi cambiamenti e ristrutturazioni strutturali! NOn sono sparita, solo... incasinata!

    RispondiElimina
  21. Occhi di NotteApr 8, 2010 04:05 AM

    @luposelvatico: Condivido il tuo pensiero e, anzi, mentre lo leggevo pensavo esattamente le stesse cose che hai scritto. E' un libro che va letto a più età, in diversi momenti, con varie sensibilità e bagagli di vita. Ha talmente tante sfumature che è impossibile focalizzarsi solo su una o apprezzarlo solo con un recinto chiuso di vita.

    RispondiElimina
  22. Occhi di NotteApr 8, 2010 04:06 AM

    @Fernando: se lo leggi fammi sapere poi la tua opinione ed esperienza!

    RispondiElimina
  23. Occhi di NotteApr 8, 2010 04:06 AM

    @giulia: grazie per il complimento!

    RispondiElimina
  24. Occhi di NotteApr 8, 2010 04:07 AM

    @Selene: Alexis non lo conosco ma condivido il fatto che Adriano è un libro che va letto solo quando è il momento..

    RispondiElimina
  25. Occhi di NotteApr 8, 2010 04:08 AM

    @MariaGrazia: grazie a te per aver condiviso e regalato emozioni con il tuo commento. Andrò presto a visitare la villa, non vedo l'ora.

    RispondiElimina
  26. Occhi di NotteApr 8, 2010 04:08 AM

    @Maga di Endor: auguri anche a te di buona Pasqua!

    @ SOnia: grazie per la segnalazione!

    RispondiElimina
  27. Non ha eguali.

    RispondiElimina
  28. PS: magari questo ti piacerà:

    http://www.radio.rai.it/radio3/terzo_anello/alta_voce/archivio_2003/eventi/2003_09_01_memorie_adriano/index.cfm

    RispondiElimina
  29. Occhi di NotteApr 13, 2010 10:34 AM

    Grazie!

    RispondiElimina
  30. Occhi di NotteApr 13, 2010 10:35 AM

    Stupendooooooo: grazie infinitissime!

    RispondiElimina
  31. Evviva :-)

    RispondiElimina
  32. Occhi di NotteApr 14, 2010 03:07 AM

    NOn riesco a sentire i files... mi si blocca il pc... :-(

    RispondiElimina
  33. Molto strano: io in qualche modo io ho trovato anche i relativi mp3 da qualche parte, al limite posso tentare di passarti quelli?
    Fammi sapere se risolvi, perchè è veramente una lettura molto ben fatta.
    Ciao!

    RispondiElimina
  34. Occhi di NotteApr 14, 2010 03:15 AM

    Ogni volta che accedo il file mi dice costantemente he sta caricando ma non si smuove minimamente. Sono ghiotta di ascoltare: lo trovo stupendo.

    RispondiElimina