lunedì 13 dicembre 2010

Ebook reader: facciamoci un pensiero.

Natale e la tecnologia. 
Un binomio perfetto, commerciale, stuzzicante. A Natale fioccano ovunque i consigli letterari su quel romanzo imperdibile, quell'autore geniale, quel genere specifico. La lettura e letteratura, ai nostri giorni, assume contorni molto labili.
Anche io, come molti di voi, mi trovo a dover affrontare l'emblematica scelta del regalo di Natale
Quest'anno mi sono imbattuta in un nuovo "must" natalizio: l'ebook reader.
Una sorta di computerino "da borsa" capace di contenere due mila e più libri in formato pdf, questa la mia personale spiegazione ridotta all'osso per i non addetti ai lavori. Kindle o non Kindle? La risposta non è affatto scontata, anche perché votando per la tecnologia letteraria, la domanda successiva è: quale scegliere?

Amazon, IBS, BOL, ASUS e molti altri hanno messo in commercio il loro specifico ebook reader, con specifiche peculiarità collegate alle librerie che rappresentano. 
Touchscreen, schermo a colori, autonomia di batteria, risoluzione dello schermo adatto agli occhi, supporto dei più svariati files, possibilità di sottolineare, riprendere la lettura dalla pagina che si aveva lasciato, multimedialità di vario genere, peso contenuto, offerte speciali in termini economici sui ebook comprati dallo specifico rivenditore di libri on libe, capienza consistente di ebook. Una jungla, insomma. 
Si gioca sul prezzo, sul colore, sul peso, sulle dimensioni, sui contenuti, applicazioni, possibilità ristrette o amplificate. Chi, come me, non è un appassionato di novità d'avanguarida tecnologica si perde facilmente.

Stando a quanto ho potuto leggere in alcuni opuscoli presi alla Fiera della piccola e media editoria a Roma, il mercato degli ebook è ancora ristretto. Non pochi mostrano le loro perplessità su questo canale di letteratura. Alcuni si chiedono anche se la grande disponibilità di ebook, con conseguente possibilità di cancellare il file non appena lo si è ritenuto inadeguato, non porti a un miglioramento generale della letturatura cartacea immessa sul mercato, realizzando una selezione "naturale" di cooperazione fra virtuale e reale.
Non mi sono ancora fatta un'opinione precisa e stabile su quest'argomento.
Mi chiedo se gli occhi davvero non si affatichino, mi chiedo se, come tutti i giochini elettronici, anche questo "passerà" di moda. Mi chiedo che impatto filologico avrà sul patrimonio letterario, se i testi verranno persi, in alcuni casi, per sempre (e, in alcuni specifici casi, probabilmente sarebbe anche meglio così)...

Qual è il vostro pensiero? 

8 commenti:

  1. Personalmente non mi convincono molto, però devo ammettere che sono comodi e che potrebbero portare sia ad un abbattimento dei costi di pubblicazione sia alla più rapida diffusione dei testi pubblicati, a patto che organizzino delle librerie virtuali serie, ovviamente.
    Per ora continuo a preferire le librerie reali e le pagine di carta.

    RispondiElimina
  2. Ci sto pensando anche io, ma vorrei riuscire ad orientarmi tra i vari E reader che girano.
    non si tratta solo di libri, ma di tanti documenti che ho in vari formati e sopratutto mi piacerebbe per poter leggere le cose che l'editoria elettronica o vari autori emergenti propongono gratuitamente e che a volte sono deliziosi!

    L.

    RispondiElimina
  3. @Bert: eppure ho visto ebook dal costo anche superiore a quello dei normali libri!!! Anche se erano in formato pdf o giù di li...

    RispondiElimina
  4. @L. :Anche io ci sto pensando e anche io vorrei riuscire a capire dove "andare"...

    RispondiElimina
  5. Mi piace un sacco l'idea, e dopo averli studiati un po' ho deciso che il mio oggetto del desiderio è il nuovo Sony PRS-650...solo che costa ancora troppo (249 euro), aspetto che il prezzo scenda... tra l'altro in questi ultimi due mesi stanno uscendo un sacco di modelli, attorno ai 200 euro...

    RispondiElimina
  6. Infatti! SEcondo me poi, con il natale di mezzo, i prezzi tendono a lievitare rispetto una banalissima settimana di febbraio...

    RispondiElimina
  7. Io continuo a preferire i cari, vecchi libri...Tempo fa ci feci un post e sembra che la maggior parte delle persone che mi leggono la pensano come me...
    Ti lascio il link:

    http://mammanonbasta.blogspot.com/2010/11/e-book-no-grazie.html

    RispondiElimina
  8. Da quando scrissi questo post ho avuto modo di conoscere dal vivo questo famigerato e book reader e.... alla fine è utile, interessante. Ma io sono legatissima ai libri cartacei...
    Grazie del link!

    RispondiElimina