giovedì 13 gennaio 2011

Barcellona, inguaribile indomita.

Immagine da: blogvacanze.com

Uno dei primi brani che proposi nei primi concorsi letterari, nel 2007, aveva come cuore Barcellona. 
Ho vissuto nella città per qualche tempo, con la scusa dell'imparare la lingua. L'esperienza è stata la più bella che io abbia mai vissuto sino ad ora. 
La capitale di Guadì torna e ritorna nel mio cuore e nei miei scritti, com'è accaduto per "L'airone di Barcellona". 
E' stata un'esperienza catartica. 
Leggendo a ritroso un blog personale privato che scrivevo tempo fa, ho ritrovato uno stralcio del mio primo racconto sul tema. 
E' solo una parte, qualche paragrafo. Non ricordo nemmeno dov'è la versione integrale, intera. E' un racconto a cui sono molto legata affettivamente, non tanto e non solo per la vittoria al concorso. Oggi ho voglia di condividere con voi quest'emozione, anche riprendendo in mano le fila dei racconti qui pubblicati e delle basi per il laboratorio di scrittura che vorrei avviare, con il tempo.
Buona lettura!

(... ) C'e' poi il Signor Lluís Domènech i Montaner, maestro di Gaudì, che in un battito di ciglia che si spalancano stupefatte, t’ ammalia proponendoti il miglior prato fiorito che mai si potrà realizzare sulla parete di un edificio. 
Immagine: http://popieces.blogspot.com
Palau de la Musica Catalanaculla dell' Orfeo Català, primo coro fondato nel 1891 come testimone dell’ avanguardia catalana negli ultimi decenni, arricchito dalla magia di incantate colonne che inchiodano al muro tutta la ricchezza d' animo, la sensibilità, l' estrosità e le speranze di un uomo, Montaner, che ha voluto unire il suo piacere alla storia e alla cultura artistica e musicale di una regione che conosce bene il significato della parola “privazione”: la Catalunya. (...)

Tripudio di fiori dalle vivaci tinte calde e bosco fiabesco intersecati tra i muri. Origami tutt' intorno. Sole che illumina una valchiria struggente e poderosa, mentre le muse della musica si beano dei raggi che dall' alto accarezzano la platea; Bach s' insinua con non-chalance tra le canne di un organo dai mille toni: il Palau de la Musica si potrebbe considerare come il culmine del rispetto fra le diversità ìnsite nel mondo, come congiunzione di armonie prive di razzismo, rese ancor più soavi e seducenti dalla magnificenza di un fenomeno globalizzato e globalizzante che fa parte di ognuno di noi, indipendentemente da qualsiasi fattore di discriminazione, dacché esiste l’ uomo: la musica. 
E, infatti, Barcellona stessa è il simbolo della condivisione, coesione e coesistenza di tante culture diverse, in pace. (....)
Fiori. Fiori. Fiori. Verde. Giallo. Rosa. Colori. Fiori. Perchè al tempo, quando fu costruito, in questa cangiante città mancavano parchi, mancava verde, mancavano fiori. Ed allora se Maometto non va alla Mecca, è la Mecca che va da Maometto: si creano, si impostano, si dipingono, si scolpiscono e s'infilano ovunque... ventata d' arcobaleno tra il grigiore dell' asfalto. (...)
Tutto si stava plasmando,  la Suprema stessa veniva creata quasi dal niente, come argilla in attesa di forma.

10 messages:

  1. noooo... avevo commentato e si è cancellato...
    comunque il riassunto era: che bello questo paragrafo!

    RispondiElimina
  2. Accidenti devi trovarla la versione integrale, è molto bello e un brano non basta.

    RispondiElimina
  3. ciao Occhi di Notte!scusami se non ti ho risposto subito ma ho letto con attenzione il tuo commento solo recentemente..;( l'idea sarebbe bella devo dire che per quanto riguarda il blog di solito scrivo quando ho il tempo o ho dei pensieri che voglio fermare per non smarrirli e a volte sto lungo tempo senza scrivere niente quindi non garantisco una effettiva costanza di post...però qualche volta potremmo effettivamente provare!

    RispondiElimina
  4. Occhi di NotteJan 14, 2011 12:38 AM

    @Bert: ti ringrazio molto

    RispondiElimina
  5. Occhi di NotteJan 14, 2011 12:39 AM

    @Flavia: grazie anche a te.. si, immagino che dovrò ritrovarlo.. ma proprio non riesco a farmi venire in mente dove io possa averlo scritto o stampato e custodito. Da allora ho cambiato diverse postazioni di pc e questo non giova a mio favore...

    RispondiElimina
  6. Occhi di NotteJan 14, 2011 12:40 AM

    @Alesya: NOn ti preoccupare. Non siamo testate giornalistiche e quindi possiamo gestire i tempi e i ritmi con tutta la tranquillità e la naturalezza possibile!

    RispondiElimina
  7. Proprio stamattina mio fratello è partito per una due giorni in quel di Barcellona... :)
    Concordo con gli altri: scrivi molto bene, complimenti! ;)

    RispondiElimina
  8. Occhi di NotteJan 14, 2011 08:31 AM

    grazie!

    RispondiElimina
  9. visto che a me il Palau è piaciuto moltissimo, ti voglio premiare qui: http://bertlandia.blogspot.com/2011/01/2-argomenti-2.html

    RispondiElimina
  10. Occhi di NotteJan 14, 2011 09:30 AM

    Ti ringrazio!

    RispondiElimina