lunedì 10 gennaio 2011

Guarire dal trauma di Judith Lewis Herman

"Guarire dal trauma", di Judith L. Herman, Magi Edizoni.


Si chiama "trauma" ed è la conseguenza e la reazione immediata a quell'evento destabilizzante capace di mettere un essere umano a stretto contatto con il pericolo imminente di morte (fisica o psichica). Il trauma è trattato in termini clinici, partendo da nozioni storiche sulle ricerche sull'argomento, in particolare considerando le teorie di Freud sui bambini abusati e sull'isteria, per poi affrontare i moderni approcci utilizzati nei centri specifici che trattano questi drammi.


Guarire dal trauma è suddiviso in varie parti tra cui, a mio avviso, le più significative sono quelle che mostrano il processo di relazione malata, l'avvento del trauma e la conseguenza possibilità di guarire, sanare, cicatrizzare l'esperienza devastante, alla ricerca di una vita migliore. Affronta il disturbo post traumatico da stress, le sue caratteristiche, i conflitti collegati.  Mostra il difficile percorso che una persona abusata deve intraprendere per impossessarsi nuovamente della dignità umana che la violenza vissuta ha fatto a brandelli, il senso di sé, di azione nel mondo, il diritto al proprio pensiero, il diritto a dire di no, l'autostima e tutto quanto ruota intorno all'argomento. Niente PNL, niente Reiki, niente manipolazioni mentali fraudolente. Judith Lewis Herman affronta su casi clinici specifici, testimonianze, i passi per ricostruire la capacità della persona di entrare in relazione con gli altri, di avere, creare e mantenere relazioni sane, libere e rispettose con la società e i suoi elementi.

E' molto interessante perché delinea le conseguenze pratiche, comportamentali insite in coloro che hanno subito un trauma derivante da una relazione malata, di potere, di  manipolazione, potere e distruzione. Descrive i tratti tipici del persecutore, il suo essere un multi-forma (in casa un mostro da temere, fuori il migliore dei padri e degli amici, per esempio). Coloro che riescono a uscire dalla situazione di "vittima" e di "sopravvissuti" e riescono nuovamente ad impossessarsi del proprio diritto di vivere, sentire, amare, essere, pensare, parlare, non sarà più lo stesso. L'autrice delinea il percorso per imparare a combattere, tutelarsi e riconciliarsi con sé stessi, la vergogna e la rabbia.
Molti pensano che le persone traumatizzate o fortemente penalizzate da eventi, malattie o relazioni sono e rimarranno "vittime" per sempre. Anche in questo caso si tratta di scelte e di difficili percorsi da seguire, di volontà ferrea di riconquistare sé stessi. Credo fermamente che esita la possibilità di rinascita e riscatto.

E' possibile imparare a difendersi e tutelarsi anche se fino ad ora ciò non era mai accaduto. 
Per fare ciò è fondamentale la psicoterapia per sviscerare, trovare, affrontare, superare tutti quei nodi che tengono abbrancata una persona alla violenza e ai suoi subdoli tentacoli invisibili. Se la violenza fa parte o ha fatto parte della nostra vita, se non vogliamo che accada più ai nostri figli, se vogliamo bloccare il meccanismo alla radice, questa è l'unica strada percorribile.

Consiglio "Guarire dal trauma" di Judith Lewis Herman a tutti coloro cercano risposte, in particolare a coloro che stanno seguendo una terapia e hanno voglia di sapere qualche cosa  in più su un argomento che li tocca da vicino, potendo contare su un valido aiuto terapeutico con con confrontarsi riguardo i temi che maggiormente si sentono propri.

9 messages:

  1. Senti una Cosina...Jan 10, 2011 06:18 AM

    Molto interessante questo post, dato che mi è a cuore la materia. Seguo un corso di spicopatologia forense, in cui si tratta anche l'abuso ed il maltrattamento sui minori, e donne.
    E' importante per me questa lettura consigliata!

    Buon inizio settimana

    Olga

    RispondiElimina
  2. Occhi di NotteJan 10, 2011 06:19 AM

    Che meraviglia! Se conosci altri testi che pensi possano essermi utili, sono assolutamente benvenuti i consigli!

    RispondiElimina
  3. Senti una Cosina...Jan 10, 2011 06:27 AM

    Senz'altro, appena si ritorna al corso, prenderò info!

    RispondiElimina
  4. Occhi di NotteJan 10, 2011 06:28 AM

    Te ne sarei grata!

    RispondiElimina
  5. Giovedì inizierò il mio terzo corso di autodifesa. Utile davvero. Sono speciali queste iniziative.

    RispondiElimina
  6. Occhi di NotteJan 10, 2011 01:40 PM

    Di dove sei, se posso? :-) se capiti a Roma, a febbraio e hai voglia di farne un'altro, speciale, vieni al nostro! :-)

    RispondiElimina
  7. beh.. sono un pò chiamato in causa visto che faccio parte dell'equipè.

    A questo progetto sono davvero molto affezionato per quanto ci ha coinvolto tutti.
    Inizialmente doveva essere una cosa molto semplice. qualche lezione di arti marziali e qualche spunto psicologico per potersi difendere in situazioni di pericolo.

    Poi grazie alla sensibilità di tutti, del maestro di ju jitsu, di Carolina, e fatemelo dire... anche un pò mia abbiamo cercato di fare qualche cosa di più.
    di molto di più.

    Stiamo cercando di costruire un percorso che aiuti le persone non solo a reagire fisicamente, ma a potersi apprezzare ed amare, a rispettarsi, conoscersi ed in questo trovare le basi per difendere, sempre nei modi più apppropriati sè stessi e la propria vita.
    è un progetto ambizioso e davvero molto bello.
    E ci auguriamo che possa avere fortuna.

    RispondiElimina
  8. Occhi di NotteJan 11, 2011 04:20 AM

    Sono stati nove mesi davvero intensi. Questo lavoro ci ha cambiati profondamente, non foss'altro per le domande che ci ha imposto nella sua realizzazione.
    Grazie per quanto mi hai trasmesso professionalmente e umanamente.

    RispondiElimina
  9. Grazie a te, in particolare per la sensibilità e le idee che hai portato.
    Inserire la creatività e la comunicazione in un corso del genere è stata una bellissima idea!

    RispondiElimina