martedì 8 febbraio 2011

Le parole di Alda Merini

Non riuscivo a smettere di leggere, stanotte. 
Agguantata per la gola, stretta in una morsa di emozioni, tra le lacrime, l'incredulità, un sentimento disorientante di vacuità. "L'altra verità" di Alda Merini mi ha accompagnato quasi fino alle prime luci dell'alba in terra friulana. Una frase mi è rimasta dentro, una frase mi ha spogliata, evocando gli echi di mille ricordi notturni, snocciolati fra le parole e l'intonaco della mia camera.

" (...) Aveva ragione. In effetti, quando mi sveglio al mattino, e guardo fuori dalla finestra, e mi sento sola, so che nessuno per quel giorno verrà a trovarmi; che, se vorrò, sarò io che dovrò "andare a rompere le palle" agli altri. E questo mi fa male perché non voglio infastidire nessuno. Ma a volte la solitudine è una cosa atroce, il silenzio una cosa insopportabile." 

20 messages:

  1. Silenzio e solitudine spesso sono compagni inseparabili di vita.
    Buon pomeriggio in armonia.
    RispondiElimina
  2. Occhi di NotteFeb 8, 2011 05:45 AM
    Per me lo sono. Ancora oggi mi trovo divisa, talvolta drasticamente, fra un bisogno insaziabile di distacco totale dal mondo e dagli esseri umani e una solitudine forzata, tipica di alcuni passaggi di vita. benvenuto nel mio blog e piacere di conoscerti.
    RispondiElimina
  3. Grazie e il piacere é anche mio.
    Sto vivendo anchio questo bisogno. Non so se partirò. E se dovessi farlo, non so dove arriverò e se arriverò. Intanto cammino con i pensieri.
    RispondiElimina
  4. Occhi di NotteFeb 8, 2011 06:20 AM
    Qualcuno diceva che l'importante è il viaggio, non l'arrivare.
    RispondiElimina
  5. Non conosco la Merini, se non per qualche parola sparsa letta qua e la. Questa frase colpisce per la sua durezza e la sua trasparenza.
    A presto (anzi, a prestissimo!!!)
    Francesca
    RispondiElimina
  6. Occhi di NotteFeb 8, 2011 07:04 AM
    Ciao Francesca ti è arrivata la mail di ieri sera? Domani non riesco a venire!
    RispondiElimina
  7. Alda Merini riesce a coinvolgere, ad emozionare anche me: la sua è una poesia che riesco a sentire profondamente dentro. L'ho scoperta, purtroppo, tardi, e mi manca; le ho dedicato anche un post un po' di giorni fa.
    "L'altra verità" è un libro che sicuramente leggerò, appena potrò
    Grazie per aver condiviso il tutto.

    A presto,
    Vince ;)
    RispondiElimina
  8. non ho ancora provato questa solitudine, sinceramente spero di non provarla, ma per quanto riguarda il "rompere le palle"... devo imparare a farlo un po' di più
    RispondiElimina
  9. IlFioreDelMaleFeb 8, 2011 01:52 PM
    E' un po' la trascrizione poetica di quello che provo io in determinate giornate.
    IlFioreDelMale
    RispondiElimina
  10. Giulia GiarolaFeb 8, 2011 01:58 PM
    Alda Merini è una gran Donna.. di quelle con la D maiuscola!! bellissimo pensiero..
    RispondiElimina
  11. Occhi di NotteFeb 8, 2011 02:00 PM
    @Vince: io sto conoscendo or ora Alda Merini come scrittrice e come poetessa. credo che non sia una lettura adatta "ad ogni giorno". I temi che porta toccano così profondamente. a volte leggendo mi è venuto da piangere...
    RispondiElimina
  12. Occhi di NotteFeb 8, 2011 02:02 PM
    @ Bert: fortunato che non l'hai mai conosciuta!

    @ Il fiore del male: penso che sono momenti e scritti in cui molti di noi possiamo rivederci.

    @Giulia: Si, direi proprio di si! E quante ne ha passate!
    RispondiElimina
  13. Non soffro di solitudine pur vivendo da sola ma ci sono delle situazioni che mi rendono triste, come quando vedo qualcuno solo al cinema.

    Un abbraccione
    RispondiElimina
  14. Occhi di NotteFeb 9, 2011 12:51 AM
    Al cinema ci sono andata anche da sola e, ti dirò, non è un'esperienza penosa. Può essere imbarazzante all'inizio, o se ci vai in certe festività comandate. in alcuni casi è anche una liberazione poter andare a vedere un film che piace anche se agli amici intorno a te non interessa. E' una sorta di libertà anche questa.
    RispondiElimina
  15. amo Alda Merini, l'ho conosciuta grazie al mauriziocostanzoshow, ogni tanto era ospite, mi incantavo ad ascoltarla! così coraggiosa, forte ...!! le sue parole hanno una forza che sconvolgono!
    se ti va di rispondere a domandine sui libri passa da me
    RispondiElimina
  16. tracce d'amoreFeb 9, 2011 03:47 AM
    le parole di Alda sono tremende,per la verità e il modo che ha di scriverle...ti restano li nel cuore...e difficilmente se ne vanno.......
    mi piace ricordare Nureyev,il grande ballerino quando diceva" chi vola alto è sempre solo"
    ciao adry
    RispondiElimina
  17. Bellissime parole..D' altronde la Merini è sempre stata una grande donna, una grande poetessa..
    RispondiElimina
  18. Occhi di NotteFeb 9, 2011 11:20 AM
    E' molto emozionante questa scrittrice. Il paradosso delle vie del dolore che si trasformano in diamante di poesia.
    RispondiElimina
  19. Anche a me questa scrittrice ha lasciato il segno, notti passate a leggere i suoi libri e soffermarmi su determinate frasi che ti restano dentro, come quella che hai postato tu.
    Grazie della visita .
    RispondiElimina
  20. Occhi di NotteFeb 10, 2011 08:36 AM
    Come dicevo in altri luoghi, pare che il dolore scavi tunnel adatti alla creatività. In alcuni casi il dolore è una porta spalancata verso l'arte. Ho la sensazione che le tribolazioni e le follie del manicomio abbiano rappresentato questo per Alda. Ma la conosco ancora troppo poco per dire, con certezza, che è così.
    RispondiElimina