martedì 27 settembre 2011

Trovare lavoro con il blog e guadagnare online

In questi ultimi nove mesi abbiamo dibattuto tante volte, qui oppure nei gruppi Facebook, sulla reale possibilità di trovare lavoro con il blog, di guadagnare online oppure del fare impresa con il web. Nei prossimi giorni vi presenterò un'intervista specifica. Oggi, invece, vorrei raccontarvi come questo blog mi stia dando lavoro retribuito e come la mia ricerca della felicità in ambito lavorativo proceda a ritmo costante.


Lo strumento "blog" è entrato nella mia vita nel 2006. Da allora ne ho aperti e chiusi almeno una decina. Tre di questi sono stati i più significativi: il primo, aperto sul sito di Alfemminile, l'ho cancellato sull'onda emotiva di un momento difficile. Il secondo, sulla piattaforma Splinder, è ancora aperto, ma limitato a diario personale, privato e inaccessibile. Il terzo è questo. Ho sempre percepito internet come potenziale e sono fermamente convinta che se nella mia adolescenza ci fosse stato un Facebook, un Google+, un Twitter probabilmente sarebbe stata molto diversa, avrei avuto più opportunità ed occasioni per conoscere. 

Da agosto - settembre dello scorso anno, dopo la mia piccola trasferta lavorativa in Puglia, ho iniziato a capire (ancora più profondamente) questo strumento, ma mi mancavano molte competenze, molta sicurezza, molta familiarità con lo strumento "piegato" al business o al marketing. Ho capito le difficoltà aziendali nel dare credito a queste innovazioni, in particolare quando la cultura informatica basilare era del tutto carente oppure quando il capitale aziendale si basava sui sacrifici economici chiesti ai dipendenti sotto forma di sfruttamento del lavoro. Ho capito la mia difficoltà nel trasmettere il messaggio e nel veicolare il cambiamento. Infine, ho capito che questo lavoro deve essere pagato e vale molto. 

Per questo motivo (e provenendo da oltre un anno di lavoro senza contratto e senza retribuzione - non ce la facevo più- ) ho scelto di non accettare alcuna offerta di lavoro che non prevedesse una retribuzione ragionevole e un contratto scritto valido. Mi sono beccata molte critiche, in particolare da quelle persone che ritengono sia giusto e normale farsi sfruttare a tempo indeterminato. 
Il tempo mi sta dando ragione, anche se per raggiungere questo ho stretto molto i denti e ho pianto molto. 

Ho scelto di seguire il master in comunicazione digitale. La mia tesi avrà come oggetto i social media e le aziende, i contenuti web e le prospettive marketing. Sto elaborando un progetto in prototipo per una ipotetica casa editrice di piccole e medie dimensioni, il cui obbiettivo è una maggiore diffusione del marchio, con relativa crescita dei volumi d'affari. Devo dire che definire un'idea, individuare i passi, realizzarli per raggiungere uno scopo (il guadagno, sì, ma prima di tutto il lavoro) mi è costato quasi un anno di delirio, tante sconfitte, molti momenti bui e tanta incertezza. Progettare i contenuti web per un'azienda, stillare una procedura di viral marketing nei principali social network più adatti alla tipologia di prodotti e marchio è una competenza tecnica che si impara con l'esperienza e con un aggiornamento costante, studio e approfondimento personale. 

La stessa scrittura nel web, attitudine primaria e primo amore della mia vita, mi era familiare eppure sconosciuta. Dacché ho conosciuto internet, la maggior parte della mia vita l'ho passata a scriverci sopra fiumi di parole. Trasformare questa abilità in professione, inquadrala in un ruolo, nei nomi, nella deontologia è stata ed è tutta un'altra faccenda. Dalla scrittura sono giunte le prime soddisfazioni lavorative e questo blog mi sta portando lavoro retribuito. Non rientro ancora nei limiti minimi per aprire la partita I.V.A. con serenità e men che meno ho un guadagno annuo tale da presentare il modello UNICO. La cosa mi rattrista ancora molto, ma le soddisfazioni iniziano ad arrivare. 
Il blog, così come le collaborazioni con gli altri blog, i concorsi letterari e i premi vinti, mi hanno portato contatti e occasioni. In particolar modo le interviste mi hanno aperto delle strade. Una recensione mi ha messo in contatto con un'autrice il cui libro mi ha commosso fino alle lacrime e mai e poi mai avrei immaginato di poter ricevere i suoi complimenti e la sua sorpresa.

Dalle interviste è nata la collaborazione con Med-Fantasy (di cui vi parlerò più avanti) e l'occasione dell'articolo con RCS, pubblicato su "Ok la salute". Sono stata richiesta come blogger in alcune campagne di marketing per le quali ho scritto alcuni articoli (pubblicati su questo blog) retribuiti dai 10 ai 45 euro. Collaboro attraverso questo blog con Blogger Italia per le campagne marketing di eventi e prodotti. 
I pagamenti inizieranno al raggiungimento dei 100,00€ e il progetto è ancora in fase embrionale, ma è di gran lunga più serio e concreto di moltissime fandonie che ho sentito nell'ultimo anno, da pomposi "visionari" gonfiati. Il blog mi ha portato Populis Create e Wikio Experts (ormai lasciato visto l'inconsistenza del progetto e la fregatura sulla retribuzione). 
Infine, la collaborazione con la testata "Donna in Affari" ha potuto nascere anche grazie ai miei scritti in "Sotto i fiori di lillà". Certo: per la maggior parte si tratta di collaborazioni occasionali, non sempre contrattualizzate e rilevanti a livello di curriculum. Ma da zero a... RCS e Donna in Affari... il passo è grande, almeno per me! Per ora ho 5 articoli validi per il patentino da pubblicista, ma conto di aumentare questo numero prima della fine dell'anno. In pentola bolle anche un'altra ipotesi di collaborazione. Se la cosa partisse realmente sarebbe extra fantasticissimo perché mi permetterebbe di unire la passione per la scrittura a quella per la psicologia e mi permetterebbe di "posare la prima pietra" verso il percorso di sviluppo che ho in mente. Il tutto nel web e con i social media.

Non ho (per ora) una professione specifica, ma tante abilità e passioni agevolmente utilizzabili in molti contesti lavorativi, sia aziendali ché autonomi. Come non bastasse.. nella mia testa frullano non poche altre idee e prospettive per il mio futuro. Se dovessi dare un consiglio alle persone che desiderano guadagnare o trovare lavoro con il blog posso dire solo questo: abbiate pazienza. Il lavoro non è solo una questione di volumi di traffico sul sito o vagonate di cinguettii trasmessi online. Ci sono tante strade, tanti modi: cercate la vostra, stemperando l'ansia e le aspettative altrui. 

17 commenti:

  1. E brava Carolina, mi complimento per le tue capacità di guardare oltre le iniziali difficoltà senza perdersi dinanzi ad esse; sei determinata, deicsa e pratica, logica e sai cosa vuoi nella vita. Soprattutto sai che ciò si ottiene con lo studio e l'impegno, il sacrifico, la ricerca ed anche l'attesa ed una incorruttibile fiducia nelle proprie capacità.

    E brava!

    RispondiElimina
  2. complimenti ... sono molto contenta per te, perchè avevi un sogno, hai lottato stringendo i denti e le soddisfazioni piano piano son arrivate. :)
    ti ho letto davvero con molto piacere :)

    RispondiElimina
  3. Brava, Carolina! Riuscire a fare della propria passione un lavoro è non solo bellissimo, ma meritorio. Ci provo da qualche anno anch'io, e devo dire che sta andando discretamente bene. Comunque, sono felice :-)

    RispondiElimina
  4. Carolina, secondo me non saper dare un'etichetta specifica alla tua professione non è importante - in questi anni di "fluidità" e di necessità di multitasking, la tua versatilità è un valore aggiunto :)

    E ancora complimenti per tutti i risultati a cui sei arrivata! Brava!

    RispondiElimina
  5. Complimenti e auguri per il tuo bel lavoro.

    RispondiElimina
  6. Complimenti davvero! Sì bisogna avere tanta tanta pazienza e concordo con te sul fatto che bisogna cercare la via più consona a noi per realizzare i nostri sogni.. sei un esempio per tutti noi! Grazie per questo post!

    RispondiElimina
  7. Posso chiederti una cosa? Come funziona blogger Italia? Perchè hanno contattato anche me ma sinceramente non mi è chiaro cosa dovrei fare, quali sono questi "eventi" a cui bisognerebbe partecipare. E in che modo? Facendo pubblicità sul blog? Grazie 1000 :-)

    RispondiElimina
  8. Io collaboro da pochissimo con una rivista tecnica on line e ieri è uscito il numero zero. Non si guadagna molto ma tutto aiuta.

    Un abbraccione cara

    RispondiElimina
  9. Carolina Venturini28 settembre 2011 08:55

    @Kylie: Come si chiama la rivista? Tecnica in quanto parla di che cosa? Te lo chiedo perché magari potrebbe interessare a qualcuno (leggerla oppure scriverci). Hai ragione: i guadagni, in generale, sono bassi... ma dal nulla al poco, è già un passo avanti.

    RispondiElimina
  10. Carolina Venturini28 settembre 2011 09:02

    @Vele Ivy: Blogger Italia è un sito che realizza viral marketing per "grandi firme" e "grandi marchi" italiani. E' di fresca costruzione e gli eventi in calendario sono pochi (ad ottobre ce n'è solo uno). Registri il tuo blog e ti registri come blogger. Puoi scegliere gli eventi a cui partecipare. TI mandano, a ridosso degli eventi, le informazioni sul cosa scrivere e sull'obbiettivo da raggiungere con l'articolo. Ti viene pagato 10 euro, ma i soldi ti verranno dati a partire dal raggiungimento dei 100 euro e non li avrai subito... ma nel giro di 60 giorni. Quando scrivo che "è più serio" lo dico perchè, in linea di massima, dopo aver creato un simile impianto.. sarebbe sciocco non sfruttarlo e non potenziarlo quindi, prima o poi, aumenteranno in numero gli eventi a cui partecipare. E' diverso da Populis Create.
    Populis Create ha aumentato il numero delle persone che scrivono ma ha lasciato invariato il numero di articoli proposti e questo significa che non tutti hanno la possibilità di guadagnare. Per esempio sono almeno 8 giorni che non riesco ad "acciuffare" nemmeno un articolo, pur controllando una decina di volte al giorno il sito. E questo significa che il mio guadagno attuale è zero... se non fosse che devono approvare articoli ancora da tre settimane.... Tutti questi sistemi sono fallaci e tutti questi siti cercando, in un modo o nell'altro, di sfruttare. Quel che è positivo in Blogger Italia è che domani io cancello il post sul Discount e non avranno pubblicità gratuita ulteriore. L'evento che andrai a pubblicizzare ha una durata stabilita.

    RispondiElimina
  11. Carolina Venturini28 settembre 2011 09:03

    @Chiaretta: grazie a te!

    @Toinette: Grazie... è una cosa alla portata di tutti. :-)

    @Camilla P.: Si, hai ragione.. la modalità multitasking è un valore aggiunto e sono ben felice di questo.

    RispondiElimina
  12. Carolina Venturini28 settembre 2011 09:04

    @Adriana: IN reltà queste sono le basi per poter fare il lavoro dei miei sogni. Mi serve stabilizzare le entrate in una maniera che mi permetta di vivere. HO voglia di dedicare spazio anche alla scrittura e alla psicologia. Sono contenta che anche per te le cose vadano bene!

    RispondiElimina
  13. Carolina Venturini28 settembre 2011 09:06

    @Francesca: Sono solo agli inizi però credo sia davvero importante far sapere alle eprsone che esistono le strade per realizzare i propri sogni e non sono per forza il "leccare il c.... "il al prof, darla a destra o a manca oppure fare altre cose di dubbio gusto. A volte studiare, impegnarsi e non mollare è la strada più breve, anche se potrebbe sembrare un paradosso.

    RispondiElimina
  14. Carolina Venturini28 settembre 2011 09:07

    @Rita: ti ringrazio molto. La fiducia nelle proprie capacità è una conquista che dura una vita.

    RispondiElimina
  15. Chiaraluce Littledreamer28 settembre 2011 11:16

    Carolina è stato davvero un piacere leggere il tuo post perché io come te credo fermamente nella possibilità di realizzare i propri obiettivi! Sono contenta che le cose stiano andando per il verso giusto e questo, indirettamente, riempie di fiducia anche me e conferma che impegnarsi, studiare, aggiornarsi e mettersi in gioco sono le armi da utilizzare per riuscirci! In bocca al lupo per tutto!

    RispondiElimina
  16. Carolina Venturini30 settembre 2011 09:08

    @Chiara: Sono contenta di poter condividere questo approccio con così tante persone. Il lato negativo del darsi tanto da fare è l'invidia che ci si attira.

    RispondiElimina
  17. Grazie per le info! In effetti avevo il sentore che funzionasse così, ma dalla presentazione del sito non era affatto chiaro. Io ho deciso di non partecipare, perché snaturerei lo spirito di "Colorare la vita", che è nato come luogo di relax, lontano da ogni fonte di guadagno :-)
    Dovrei fare un blog ad hoc, eventualmente, però ora non ne ho proprio tempo... chissà, magari in futuro! Comunque nel frattempo continuo a seguirti per scoprire le ultime novità riguardo alla scrittura on line!

    RispondiElimina