lunedì 31 ottobre 2011

"Incontro", la Fiera del Lavoro di Pordenone. Ci sarò.

"Incontro" è la fiera del lavoro a Pordenone. Il 10 e l'11 novembre aziende, studenti, organizzazioni e professionisti faranno convergere interessi e conoscenze, opportunità e offerte formative inerenti al mondo del lavoro in convegni e workshop. I temi affrontati andranno dalla scelta del percorso formativo universitario alla compilazione del curriculum, alle occasioni offerte dalle nuove tecnologie, al fare impresa, pur essendo giovani. Sarà possibile lasciare le candidature. 
Seguirò l'evento per la testata online "Donna in affari": ne nascerà un articolo e una video intervista. 


In Friuli Venezia Giulia le aziende "rosa", guidate da imprenditrici, hanno ottenuto notevoli risultati nei rilevamenti occupazionali di quest'ultimo periodo. Argomento principale della testata è proprio l'imprenditoria femminile. Parteciperò al convegno di presentazione e a 4 workshop che tratteranno gli incentivi alle assunzioni e i progetti di Unindustria. Mi interessa molto ascoltare la riflessione sul lavoro occasione e sulla concreta possibilità che questo si riveli un'occasione per i giovani. Mi interessa perché, al momento, lavoro solo occasionalmente, senza garanzie, certezze, contratti o altro. La politica della provincia di Pordenone inerente l'occupazione e lo sviluppo mi incuriosiscono: Pordenone è sempre stata una delle provincie più "attive" in Friuli.

L'articolo che scriverò sarà corposo: 6000 battute, in aggiunta alle quali ci sarà il video. Non credo che questi spazi mi basteranno. Per la prima volta mi cimenterò nella realizzazione di video interviste. Per la prima volta avrò l'opportunità di implementare le mie capacità professionali in ambito giornalistico. Quando seguii "Meet Design" non potei partecipare ai successivi incontri a causa della brutta caduta dalle scale: affrontare la metro e i Fori Imperiali con le stampelle non era esattamente la cosa migliore in quel momento. Questa volta, però, potrò spendermi energicamente per la testata e per me stessa. Incontri ed esperienze saranno tante. Così come le fotografie e gli input.
Sarebbe un peccato perdere quest'occasione, non credete? Tra l'altro, mi piacerebbe moltissimo parlare di questi temi con voi. Se consideriamo il fatto che avrò con me il mio notebook, il mio android e tutti i cavi possibili e immaginabili per scaricare video e foto in diretta, allora è facile immaginare che l'ipotesi di un live blogging con dibattito in diretta sarà assolutamente realizzabile. 

Il tema del lavoro è un tema che interessa tutti noi e ci tocca da vicino. La disoccupazione giovanile è una voragine che inghiotte moltissimi ragazzi. Il mio lavoro occasionale con riviste, testate e content marketplace non mi sostenta a tal punto da essere considerata "attiva". Lo sono, ma non ho una retribuzione annua tale da scrollarmi di dosso l'etichetta di "disoccupata". Soffro molto per questo mio stato, soprattutto perché mi impegno molto nella cercare lavoro. Ho perso il conto dei vari Monster, Jobfinder, Trovalavoro a cui mi sono iscritta. Ogni giorno invio curriculum e ogni giorno attendo una chiamata che non arriva. Mi chiedo ogni giorno: cosa mi manca? Riporto alla mente le percentuali drammatiche della disoccupazione giovanile, la situazione preoccupante dell'Italia in generale e mi scuoto. 
Se non altro, sto facendo gavetta giornalistica e sono retribuita per questo. Sono piccole gocce ma, a volte bastano per strapparmi speranza. 

Sulla fan page del blog su Facebook ho scritto questo messaggio, dopo aver investito sull'acquisto di una videocamera più professionale: "Inizia una nuova fase di specializzazione professionale. Non ho politici alle spalle. Non ho vescovi o magnati, non mi prostituisco e non mi vendo a nessun partito. Io combatto. E le provo tutte. Perché ci voglio riuscire ad avere un lavoro serio". 

Spero che la fiera del lavoro di Pordenone, l'incarico per Donna in Affari, le interviste e gli argomenti, i materiali e gli spunti che troverò in Friuli Venezia Giulia, la mia terra d'origine, mi aiuteranno. Lascerò ulteriori curriculum. La mia regione sta meglio del Lazio, per quanto riguarda l'occupazione. Non si sa mai che proprio dalla "madre patria" arrivi qualche migliore occasione e che il web diventi il canale preferenziale per nuove albe e nuovi viaggi lavorativi. 

Ho così tanta voglia di lavorare, così tanta passione, così tanto amore per gli argomenti che tratto, per questi strumenti di comunicazione, per l'innovazione e la ricerca tecnologica! Non posso accettare di sprecare, rendere inerte o cadere nell'ignoranza di regresso causata dall'inattività e dalle non opportunità.

0 messages:

Posta un commento