lunedì 31 ottobre 2011

Progetto Oriana Fallaci - I vostri contributi.

Non avrei mai immaginato che il post "Progetto Oriana Fallaci: vi piacerebbe aiutarmi?" scatenasse, in una sola settimana, così tanta buona volontà, proposte, suggerimenti, aiuti concreti e post sui vostri blog! Sono felicissima e tutto questo mi scalda molto e mi sostiene nella volontà di continuare a lavorare al progetto. 

Come prima cosa vi voglio ringraziare tutte: Veronica, Camilla, Beatrice, Alchemilla, Flavia, Giulia, Elisabetta 1, Elisabetta 2, Lucia, Sara, Guendalina, Selene, Maria Cristina, Paolo, Luca, Vincenzo. 

Come seconda, vi vorrei coinvolgere in alcune attività. Ci state?
Il vostro apporto è fondamentale. Mi avete offerto aiuto nella traduzione, consulenze di lingua, link, informazioni sulle nuove uscite e conferenze sulla Fallaci. PREZIOSE, questa è la parola adatta per descrivervi. Siete preziose.

I post di richiamo sui vostri blog stanno portando traffico: avete permesso a molte persone di conoscere questo progetto e fra di voi c'è chi mi ha offerto aiuto arrivando direttamente dai vostri blog. Come promesso su Facebook, ecco quindi il mio post per permettere agli altri lettori di conoscere il vostro impegno. Alchemilla ha intitolato "Scrivere di Oriana Fallaci", Emotionally, invece, "Oriana Fallaci: il progetto work in progress di Carolina" e Flavia ha concluso la sua avventura nel suo blog su Splinder citando il progetto nell'articolo "Cambio casa". Chiunque desideri seguire il loro esempio è il benvenuto e chiunque voglia aggregarsi e divertirsi con noi ... non ha che da contattarmi scrivendomi a [email protected]

Parlando con voi ho capito una cosa. Ci sono due argomenti che vi stanno a cuore, due interventi, due libri "speciali". Uno di Oriana Fallaci, "Lettera a un bambino mai nato", e uno di Tiziano Terzani, "Lettere contro la guerra". Tutte voi avete letto il libro della Fallaci e tutte noi ci siamo intimamente sentite chiamate in causa, in quanto donne e madri o future madri. Mi piacerebbe conoscere i passi che vi hanno coinvolte di più. Mi piacerebbe raccoglierle, rifletterci insieme, sentirle vicine. Mi piacerebbe anche sapere se, per caso, avete conservato i giornali nei quali la Fallaci e Terzani dibatterono aspramente sulla guerra. 
Se li avete conservati, potete scannerizzare la pagina e mandarmela via e-mail?

Venerdì mattina andrò alla Biblioteca Nazionale alla ricerca di queste tracce. Se qualcuna di voi fosse libera e volesse farsi un giro fra gli scaffali, me lo faccia sapere!

Nel mentre, sono venuta a conoscenza di un nuovo libro sulla Fallaci, incentrato sull'esperienza newyorkese della scrittrice. Attendo l'ultima novità natalizia 2011 proposta da Rizzoli, come da tradizione. Ho fatto un ordine con i libri che mi avete suggerito. Sapete che c'è già un libro sulla Fallaci come scrittrice, giornalista e donna, uscito di recente ma con difficile reperibilità (mi hanno stimato 3 settimane di attesa). Sono curiosa di leggerlo e sono altrettanto desiderosa di... portare il mio contributo. Sono contenta si inizi a scrivere e ad indagare questa scrittrice. ha così tanto da dare ancora! Qualcuno di voi l'ha letto?

Sto pensando di creare uno "spazio Fallaci" nella mia nuova casa, con mensole e faldoni per raccogliere il materiale mio e vostro. Voi come mi consigliereste di organizzare le informazioni, i libri, i contatti? 

Altra cosa. L'acquisto della videocamera per le video interviste che saranno pubblicate su Donna in Affari mi ha aperto dei mondi. Vi piacerebbe conoscere i progressi di questo lavoro anche attraverso il canale You Tube? Se non l'avete ancora fatto, ne approfitto per invitarvi nella fan page del blog su Facebook e su Twitter (i link di collegamento li trovate a destra). Molte volte pubblico le novità (o i progressi o i cambiamenti) molto più velocemente sui social network, rispetto al blog. Possiamo rimanere in contatto diretto e, se avete un account gmail, possiamo anche chattare senza problemi.

Ultimissima cosa: a dicembre ci sarà la fiera del libro "Più libri più liberi" a Roma. Dovrò essere presente per conto della testata Donna in Affari. E se ci incontrassimo? Potremmo andare alla ricerca dei libri adatti alla bibliografia, potremmo fare colazione tutti insieme e potremmo anche organizzare una sessione di live blogging alla fiera, scoprire le novità editoriali e sugli e-book. Fatemi sapere se siete disponibili e... non vi preoccupate. Ve lo chiederò ancora, in un post apposito! 

Ultima anteprima blogghifera: in zona "mondo blog" si sta organizzando la Settimana Bianca dei Blogger in Trentino, in appartamento. Per ora non vi svelo nulla... ma presto!

Infine: GRAZIE!!!!!!!!

11 messages:

  1. cooksappeOct 31, 2011 09:33 AM
    in bocca al lupo!
    RispondiElimina
  2. Carolina VenturiniOct 31, 2011 09:35 AM
    Come si suol dire... crepi il lupo!
    RispondiElimina
  3. Veronica MondelliOct 31, 2011 01:50 PM
    È stato un piacere, Carolina. La Biblioteca Nazionale un po' mi manca... Ma il venerdì mattina - e in particolare questo venerdì - è difficile per me muovermi. Sulla fiera del libro, invece, sto facendo un serio pensierino... :)
    RispondiElimina
  4. Francescast.84Nov 1, 2011 02:41 AM
    Il grande potere di Internet :) chiedi una mano e te la danno più che volentieri :)
    RispondiElimina
  5. Vele IvyNov 1, 2011 05:45 AM
    Ti segnalo un post sulla Fallaci di una carissima amica blogger: http://nuvolette.wordpress.com/2011/10/17/oriana-fallaci/
    Io lo trovo molto coinvolgente, nella sua semplicità.
    RispondiElimina
  6. Carolina VenturiniNov 1, 2011 09:29 AM
    @Vele Ivy: E' piuttosto raro incontrare persone capaci di ricredersi. Molti "appioppano" alla Fallaci delle etichette, oppure la lasciano "in disparte" perchè incapaci di reggere la forza delle emozioni e delle idee della scrittrice. E' bello leggere un post come quello della tua amica.
    Se ti va, segnalale quest'iniziativa.
    RispondiElimina
  7. Carolina VenturiniNov 1, 2011 09:30 AM
    @Francesca: Dissento :-) Questo non è il potere di internet. Per avere aiuto da parte delle persone bisogna essere credibili e dare qualcosa. Coinvolgere gli altri in progetti, iniziative, creare passaparola e voglia di agire concretamente è tutto fuorché scontato. Richiede tanto impegno e tanta linearità, coerenza, credibilità.
    RispondiElimina
  8. Carolina VenturiniNov 1, 2011 09:31 AM
    @Veronica: Il venerdì pomeriggio mi è molto difficile...almeno fino a gennaio, quando terminerò il master. Per la fiera del libro... Mi farebbe molto piacere. :-)
    RispondiElimina
  9. FlaviaNov 2, 2011 04:29 AM
    Eccomi, scusa, ma in questi giorni tra ricorrenze varie sono stata stra impegnata, spero di riuscire presto a passare in biblioteca per recuperare "Lettere contro la guerra".
    Grazie per avermi citata, cercherò di fare il possibile per aiutarti propio questa mattina ho dovuto sentire altri strafalcioni da parte di una giornalista che l'italiano propio non lo conosce e mi mancano personaggi come la Fallaci a cui non è mai scappata una parola fuori posto.
    RispondiElimina
  10. FlaviaNov 7, 2011 12:53 AM
    Rieccomi, in questi giorni ho spulcito libri e giornali e quasi tutti riportano le stesse cose Sul confronto Fallaci/Terzani, alla fine però ho fatto una cosa semplice ho cercato su internet e scoperta dell'acqua calda ho trovato questo:
    http://www.corriere.it/Primo_Piano/Cronache/2006/09_Settembre/15/rabbia1.shtml
    e questo: http://archiviostorico.corriere.it/2006/dicembre/14/Fallaci_Vietnam_sbagliato_Terzani_Che_co_9_061214085.shtml
    http://archiviostorico.corriere.it/2001/ottobre/08/Sultano_San_Francesco_co_0_0110082774.shtml

    Può essere che tu già conosca l'archivio del Corriere, ma credo ti possa dare buonissimi spunti.
    RispondiElimina
  11. Carolina VenturiniNov 7, 2011 01:56 AM
    Cara Flavia,
    l'archivio del Corriere della sera lo conosco molto bene. Affiancando alla chiave di ricerca "Oriana Fallaci" varie parole si possono trovare molti articoli - italiani e stranieri - su Google.
    Rispetto la diversità di pensiero fra la Fallaci e Terzani mi sto attrezzando con i libri, anche se non credo che ne tratterò nel libro. Piuttosto, con articoli specifici su questo blog.
    RispondiElimina