martedì 25 ottobre 2011

Progetto Oriana Fallaci: vi piacerebbe aiutarmi?

"Progetto Oriana Fallaci: vi piacerebbe aiutarmi?": così ho titolato un sondaggio proposto su questo blog e su Facebook. 
Le risposte che avete selezionato, quelle proposte pubblicamente (o privatamente) in Fiori di lilla Roma e quelle giunte via e-mail mi hanno convinto della vostra disponibilità ad aiutarmi e della difficoltà nel capire come fare praticamente e a quali bisogni concreti io facessi riferimento. Ebbene, ora ve lo spiego.


Il mio "Progetto Oriana Fallaci" nasce come tesi di laurea in letteratura italiana. L'argomento principale era l'esperienza della Fallaci come reporter di guerra e la sua successiva riproposizione letteraria. L'ho proposta a due editori (che si sono dimostrati interessati), un terzo si era detto positivamente colpito. Il dattiloscritto è ancora di mia proprietà e non ho ancora firmato alcun contratto con nessuna casa editrice perché desidero due cose: fare un buon lavoro, non essere ingannata con contratti inadatti (editoria a pagamento). 

In questo anno ho lavorato, smontato, riscritto e abbandonato il progetto. Mi sono fermata per due motivi: la delusione relativa al mondo editoriale italiano e il mio costante dubbio: ma a qualcuno interesserà? Ho davvero qualcosa di nuovo da dire sulla Fallaci? E' già stato detto tutto? Che cosa posso dire in più rispetto i suoi stessi libri e le pubblicazioni a raffica di Rizzoli? 

Questi dubbi si protrassero fino a quando non aprii una lettera da Alchemilla. Stava rileggendo tutti i miei post sulla Fallaci, mi parlava dell'entusiasmo che provavo, mi rammentava che avevo molte cose da dire, mi suggeriva di chiedere aiuto alla rete e al mio ragazzo per scrivere questo libro, addirittura mi proponeva di includere i bottoni Paypal per cercare sovvenzione all'attività di ricerca di materiale o all'acquisto di libri specialistici per ampliare la bibliografia. 

In questi mesi mi sono chiesta se non avesse ragione, se non stessi sbagliando e se l'impostazione che volevo dare al libro fosse proprio quella legata alla critica letteraria, avendo io dei precisi pensieri diversi in merito. Quando penso alla Fallaci mi trovo ad indagare la sua anima, prima ancora che il suo stile letterario o giornalistico. La critica letteraria non mi appassiona tanto quanto una ricerca diversa, più profonda e più umana. Tutto sommato Alchemilla non aveva tutti i torti e, quindi, eccomi qui a chiedere il vostro aiuto. Ho individuato diversi modi in cui potreste sostenermi nell'opera di ricerca. 

Queste sono le azioni pratiche di cui ho bisogno

  • Essere informata su qualsiasi pubblicazione (edicola, online, libreria) inerente la Fallaci, la Resistenza, la guerra in Vietnam, il conflitto in Iraq, il mestiere di reporter, la guerra. 
  • Essere aiutata nello scandaglio delle attività inerenti la Fallaci (incontri, convegni, mostre, scambi)
  • Essere aiutata nel reperire tutti i numeri de L'Europeo nei quali compaiono articoli, dossier o reportage della Fallaci o su Oriana.
  • Sentire il vostro interesse e il vostro credere in me nei modi che ritenete più opportuni.
  • Essere aiutata nell'apprendere nuovamente la capacità di scrivere in inglese corretto. Non ho ancora un lavoro fisso e quindi non posso pagare profumatamente. Possiamo venirci incontro, comunque. 
  • Farmi presente le vostre idee per accrescere il progetto
  • Parlarne nei vostri blog, permettendo anche ai vostri lettori di conoscere il progetto e di intervenire portando il loro aiuto, la loro esperienza e le loro idee
  • Condividendo questa pagina sui vostri social network
Le segnalazioni possono essere inviate all'indirizzo: s[email protected]

Potrebbe diventare un libro ad alta partecipazione di blogger e potremmo realizzare grandi cose coinvolgendo tutti i vostri blog. Il mio modo di ringraziarvi sarà citarvi tutti, blog inclusi, all'interno del libro e darvi una copia a testa gratuita, quando sarà pubblicato. 
Se è poco o tanto non lo so, per ora vi ringrazio e aspetta con piacere il vostro aiuto. 
Un abbraccio a tutti e un grandissimo grazie a tutti coloro che entreranno a far parte di questa idea.

42 messages:

  1. Continuavo a chiedermi il perché non avessi risposto a quella mail...Non immaginavo che avesse mosso qualcosa dentro di te ma ne sono veramente felice perché l'avevo scritta davvero con il cuore...Sono addirittura commossa in questo momento!

    Partiamo quindi, faccio il giro della casa per vedere se ho conservato qualcosa e subito metto sui social network, presto anche nel mio blog.

    Se il tuo cuore e il tuo corpo chiedono di parlare dell'anima della Fallaci, allora seguili!!!

    Un abbraccio forte forte forte!

    RispondiElimina
  2. Carolina Venturini25 ottobre 2011 15:30

    Non avevo risposto perché mi aveva colpito. In un certo senso "mi aveva fatto male" quella mail. Mi stavi "svegliando", se così si può dire. Poi era passato del tempo e non sapevo come riprendere il discorso. Pensavo anche che le parole fossero insufficienti, dovevano seguire fatti. Mi ci è voluto del tempo. Ti ringrazio tanto.

    RispondiElimina
  3. Io ti ho scritto ;-)

    RispondiElimina
  4. Carolina Venturini25 ottobre 2011 15:51

    Ti ho risposto e trovato su Twitter. Possiamo sentirci e aggiornarci senza problemi! Grazie di cuore!

    RispondiElimina
  5. Per quello che posso,fin dove posso arrivare ti aiuterò con grande piacere!Intanto passerò la notizia su blog e facebook...
    Un abbraccio Silvia

    RispondiElimina
  6. Nel caso trovassi qualcosa, del materiale o altro, ti informerò :)

    Per quanto riguarda il re-imparare a scrivere inglese... Se vuoi posso darti una mano. Parlo e scrivo inglese da quando sono molto piccola; inoltre, mi farebbe davvero piacere aiutarti in qualche modo. Scrivimi pure mediante il form del mio blog (oppure, se vuoi, ti posso dare la mia mail) - ne parliamo meglio lì se ti va, così evitiamo di intasare lo spazio dei commenti :)

    RispondiElimina
  7. Bene, buono a sapersi: se mi imbatto in qualcosa te lo segnalo di sicuro. Ma... perché proprio la Fallaci? Qualcuno un po' meno guerrafondaio, no? ;-)

    RispondiElimina
  8. Carolina Venturini26 ottobre 2011 10:06

    @Adriana: La Fallaci non è guerrafondaia. Questa è solo un'etichetta che le è stata appiccicata addosso. Aveva grandi valori e grandi ideali... e un temperamento forte. Era intellettualmente onesta e non si mentiva.

    RispondiElimina
  9. Carolina Venturini26 ottobre 2011 10:06

    @Silvia: Ti ringrazio molto per l'aiuto ce vorrai darmi!

    RispondiElimina
  10. Carolina Venturini26 ottobre 2011 10:10

    @Camilla: Ne sarei molto felice. Scrivimi pure via mail, così ci mettiamo d'accordo senza intasare i rispettivi blog. Grazie di cuore.

    RispondiElimina
  11. Eccomi, come probabilmente ti dicevo mio zio è un fan della Fallaci e speravo per Natale di regalargli il tuo libro (tranquilla tanto non ho specificato quale Natale), detto questo chiederò a lui sicuramente mi saprà dare del materiale.
    A memoria ricordo che veniva citata da Tiziano Terzani in "Lettere contro la guerra", scritto dopo l'11 settembre, non ricordo specificatamente il motivo, sono passati troppi anni da quella lettura, ma ricordo che avevano due punti di vista differenti e che tra i due c'era stata una folta corrispondenza per esprimere i loro dissensi.
    Si tratta di un libricino breve che forse potrai o vorrai leggere tutto, nel caso contrario fammi sapere, potrei andare in biblioteca e fare una ricerca dei passi specifici.
    Appena ho un attimo mi attiverò anche sul blog, spero fortemente che questo tuo sogno si concretizzi nel modo migliore!

    RispondiElimina
  12. Ciao Carolina, piacere di averti incontrata...Ci rivedremo e grazie per essere passata da me.A presto.Ciaoooooooooo.

    RispondiElimina
  13. forse dico una stupidaggine.. ma cercare qualche parente? per conoscere un po la "donna" Oriana?

    RispondiElimina
  14. Carolina Venturini26 ottobre 2011 22:09

    @Ely: Mi piacerebbe molto. Non ho le conoscenze e le "credenziali" necessarie per arrivare "a tanto". Sono una "nessuno", potrei benissimo passare per "sciacallo". Se mai ci sarà l'occasione, se mai sarà realmente possibile.... ne sarei felicissima.

    RispondiElimina
  15. Carolina Venturini26 ottobre 2011 22:09

    @Rossorosso: Grazie a te e ... quando vuoi, vieni pure!

    RispondiElimina
  16. Carolina Venturini26 ottobre 2011 22:11

    @Flavia: Mi spiace deluderti. Scrivere un libro è difficile. Speravo anche io di averlo pubblicato per Natale, ma la ricerca del lavoro, le insicurezze, lo studio e la ricerca, nonché incontri editoriali poco "felici" mi hanno rallentato. Ti chiedo scusa, comunque.
    Grazie dei suggerimenti, sono preziosi per me.

    RispondiElimina
  17. Carolina Venturini26 ottobre 2011 22:13

    DIMENTICAVO DI DIRVI UNA COSA: Quando scriverete il post di collegamento a questo, postate pure il link sulla pagina facebook del blog oppure sul mio profilo Twitter. Sentitevi libere, ok? Un grazie in anticipo a tutte voi.

    RispondiElimina
  18. ho amici inglesi e amanti delle lettere... traduttori anche :) sono pronta a metterti in contatto o contattarli io se necessario!

    RispondiElimina
  19. Carolina Venturini27 ottobre 2011 09:15

    R.: TI ringrazio molto. Te lo chiederò più avanti. Per ora, la necessità è di riprendere le fila della ricerca e della stesura del libro in italiano. Riprendere a scrivere l'inglese mi serve perché vorrei proporre, di qui a un anno, articoli ai giornali stranieri. Non mi dispiacerebbe affatto creare una traduzione in lingua inglese del progetto e proporla ad Amazon.

    RispondiElimina
  20. Ma che scusa Carolina, è giusto prendersi il tempo che ci vuole, l'importante è non perdersi d'animo, forza e coraggio, sai che due lettori sicuri ce li hai (ma credo molti di più), per il resto cercherò di aiutarti anche se oltre ai suoi scritti al momento non mi viene in mente nulla di particolare.

    RispondiElimina
  21. Carolina Venturini27 ottobre 2011 09:20

    A me basta che tu ci sia, cara Flavia. :-)

    RispondiElimina
  22. maria cristina giongo27 ottobre 2011 11:01

    Certo, lo pubblicizzerò nel mio "giornale online" Il Cofanetto magico. Oriana Fallaci è stata sempre presente nella mia carriera di giornalista ( purtroppo non fisicamente, ma solo con i suoi testi) perchè il suo modo di comunicare era per me un vero esempio di buona scrittura.. Per lei ogni singola parola era fondamentale; e sapeva usare i trucchi semplici e necessari perchè tu potessi soffermarti sulle SUE parole;,capirle, percepirne il senso, farle tue, trasformarle in emozioni in cui ti riconosci pure tu. Non esistono altri scrittori così "perfetti"come lei. "Lettera ad un bambino mai nato" è un libricino di sole 100 pagine, scritte a caratteri grandi; ma rimane un vero poema. Questo per rispondere a chi pensa che un libro debba per forza contenere più di 100 pagine, altrimenti non è un "vero libro". Anche in poche righe puoi esprimere dei pensieri universali. Non sono necessarie 400 pagine se in quel momento sai dire la stessa cosa in meno parole. Infatti la Fallaci ha scritto anche libri più corposi ma soltanto perchè lo richiedeva il tema. Io ho scritto un libro che di pagine ne ha solo 90. Perchè in quelle 90 pagine ho messo tutto il senso di quello che volevo comunicare. Ora posto questo link nella mia pagina di facebook e poi ci aggiorneremo. Un abbraccio, Carolina, e sono felice per questo tuo bellissimo progetto, Maria Cristina Giongo

    RispondiElimina
  23. Carolina Venturini27 ottobre 2011 11:08

    Cara Maria Cristina,
    la tua presenza e il tuo aiuto sono molto preziosi per me. Grazie per il tanto che fai per me e che hai fatto per me in più di una occasione, lavoro incluso. Ti abbraccio tantissimo.

    RispondiElimina
  24. Innanzitutto, in bocca al lupo!!! ^^ Se potrò, tornerò ad aiutarti anche io :)

    RispondiElimina
  25. Carolina Venturini27 ottobre 2011 14:33

    Sei la benvenuta :-)

    RispondiElimina
  26. la mai esperienza editoriale è piuttosto negativa, nel senso che magari uno che pubblica lo trovi, ma non è sufficiente ci vuole la promozione

    Il mio consiglio è quello forse lo hai già fatto parlare con chi ha ereditato i diritti d'autore e il suo editore storico, perchè potrebbe essere un ottimo motivo per delle riedizioni

    Stai anche all'occhio nel senso che se un idea è buona c'è sempre il rischio che mille te la possono copiare

    RispondiElimina
  27. Carolina Venturini27 ottobre 2011 15:06

    Ciao Carmine,
    quello che dici è assolutamente vero. La promozione è obbligatoria, la tutela anche. Conosco i rischi e spero di essere in grado di tutelarmi e tutelare il mio progetto. Non sono abbastanza "titolata" o "sostenuta" per poter avere, al momento, "udienza" dall'editore storico. Sono una "nessuno". Parto con le mie gambe, quel che sarò in grado di realizzare e quel che ne nascerà lo vedremo poi. Sarebbe bello lavorare filologicamente sui suoi testi e parlare con le persone che hanno conosciuto Oriana. Credo sia prematuro, almeno per il momento.
    Grazie della tua opinione.

    RispondiElimina
  28. Senti una Cosina...27 ottobre 2011 15:38

    Cara Carolina, piacerebbe anche a me aiutarti, ma vorrei mi fosse spiegato più dettagliatamente in cosa potrebbe consistere un mio aiuto concreto.
    Ti lascio la mia mail, così potrai, sei vuoi, scrivermi in privato...adoro il lavoro di ricerca e rielaborazione!
    [email protected]

    Un bacio, buon giovedì...Olga

    RispondiElimina
  29. Carolina Venturini27 ottobre 2011 15:58

    Perdona la vaghezza ma, come giustamente dice Carmine, cerco di tutelarmi, pur coinvolgendo.
    Intanto ti invito a dare un'occhiata alla pagina che ho creato proprio su questo blog. Ti scrivo via mail entro domani, ok? Sto cercando di terminare la tesi per il master. Vorrei riuscire a scriverti con calma.

    RispondiElimina
  30. Ciao, collega! :)
    Mi piacerebbe molto aiutarti, ma la mia di tesi, tra le altre cose, mi sta prendendo molto, quindi non me la sento di prendermi un impegno e poi non poterlo mantenere con costanza, mi spiace.
    Intanto, però, conta pure su di me per le consulenze linguistiche, se ti fa piacere. ;)

    A presto.

    RispondiElimina
  31. Cara Carolina,
    grazie per le tue belle parole. Purtroppo ora nei giornali c'è molta crisi ma sono sicura che ce la farai, anche se non sei figlia di...amante di...amica di...o iscritta a qualche partito politico.
    Come ce l'ho fatta io. A volte si arriva anche per i propri meriti. Quindi continua a crederci e a lottare. Un bacione, Maria Cristina Giongo

    RispondiElimina
  32. Carolina Venturini28 ottobre 2011 10:08

    @Maria Cristina: Secondo me i giornali e lo stesso Ordine dei giornalisti dovranno adeguarsi ancora di più alle nuove realtà del mondo dell'editoria. Il web 2.0 ha scalzato tanti elementi che prima garantivano "possesso news" e primato. E' un cambiamento forte. La crisi è la morte di un "vecchio" per lasciare spazio a un "nuovo". I giornali e i giornalisti hanno molto da guadagnare dal web. Basta vedere gli esperimenti riusciti delle redazioni CNN o Al Jazeera.

    RispondiElimina
  33. Carolina Venturini28 ottobre 2011 10:12

    @Vince: Non ti preoccupare. La tua tesi ha la priorità assoluta. Infondo... non c'è un tempo preciso o una scadenza per l'aiuto. Se senti qualcosa, se ti capita di vedere un articolo, me lo segnali. So che ci sei e basta questo.

    RispondiElimina
  34. Carolina, non sai quanto mi piacerebbe aiutarti! Ti leggo spesso, anche se raramente lascio traccia, e sei l'incarnazione della persistenza e la continua rinascita. Purtroppo, essendo straniera, non ho avuto tante possibilità di imbattermi in articoli o testi su o della Fallaci. Non posso offrirti nemmeno un aiuto linguistico, visto che le lingue che conosco io non sono l'inglese o il tedesco, ma un paio di poco conosciute e raramente presenti nel mondo editoriale.
    Tanta fortuna e successo, di cuore! Sono sicurissima che ce la farai!

    RispondiElimina
  35. Carolina Venturini28 ottobre 2011 11:17

    E invece sei una manna dal cielo! La Fallaci è stata tradotta in 25 lingue e ovunque si è parlato di lei, per vari motivi, in vari modi, con vari approcci. Non si sa mai che la stampa straniera offra spunti diversi e corposi! ;-)
    Ti ringrazio lo stesso di cuore.

    RispondiElimina
  36. Ok, allora questo fine settimana mi metto a spulciare un po' in web. Peccato che non sia a casa, ma in Italia, se no andavo alla biblioteca e in qualche libreria ben fornita a cercare...

    RispondiElimina
  37. Carolina Venturini28 ottobre 2011 13:49

    se trovi qualcosa postami pure il link nella Pagina Facebook del blog (il link lo trovi qui a destra, sopra Twitter). Così sarà più facile e immediato rimanere in contatto.

    per ora ti ringrazio molto!

    RispondiElimina
  38. Ricevuto!
    E' bellissima questa tua voglia di scrivere e di coinvolgere, un apprezzamento anche ad Alchemilla che ha risvegliato in te questa forza!!! (ehm, avrò anch'io bisogno di voi, mi sa, il giorno che deciderò di chiudere quel capitolo della mia storia... ^_^)

    Appena trovo qualcosa ti mando mail e... provvedo a spargere la voce, ok? ;)

    Un abbraccio, polepole

    RispondiElimina
  39. Carolina Venturini31 ottobre 2011 11:48

    La aspetto con piacere e sono felice di vedere che tante persone si stanno mobilitando per aiutarmi.

    RispondiElimina
  40. http://www.ilcapoluogo.it/Rubriche/Arte-Cultura-e-Spettacolo/Un-sogno-Americano-la-New-York-di-Oriana-Fallaci-66518

    Come mi hai detto di fare, ti lascio il link anche qui :-) a presto e buon viaggio/lavoro ;-)

    Giulia Lotti

    RispondiElimina
  41. Ti ho linkata nel mio ultimo post. Spero di cuore che qualcuno saprà darti qualche informazione della quale non eri alla conoscenza!

    RispondiElimina
  42. Carolina Venturini08 novembre 2011 08:40

    Grazie per aver inserito uno spunto sul progetto nel tuo ultimo post sul come realizzi il tuo sogno nella grafica web.

    RispondiElimina